Pollenca

Pollenca

Port de Pollenca è una località turistica, accessibile a tutti ma frequentata soprattutto da famiglie, sia per il tipo di intrattenimento offerto ( è una zona abbastanza tranquilla e con pochi locali notturni), che per il mare e il territorio molto mite.

Orientarsi a Pollenca

Infatti, da una parte Port de Pollenca è protetta dalle montagne che si trovano dietro la costa, leggermente addentrate rispetto agli altri promontori; dall’altra si trova all’interno del vasto arco che forma Badia de Pollenca, costeggiata da un territorio pianeggiante che si estende per tutta la zona del golfo, molto profondo e dalle sponde frastagliate; questa profonda insenatura pianeggiante offre dei meravigliosi angoli di mare, ideali per lunghe nuotate, anche per i nuotatori meno abili in quanto le acque sono riparate dalla profonda costa e quindi sempre calme e prive di correnti anomale.
Le vaste pianure dalla costa si addentrano nell’entroterra fino ad arrivare al promontorio alle spalle di Port de Pollenca, e precisamente fino a toccare la cittadina di Pollenca, nata, come era uso a Maiorca, a pochi chilometri dalla riva per vigilare e affrontare gli improvvisi attacchi dei pirati: lo stratagemma era quello di lasciare il porto (che era, appunto, Port de Pollenca) senza vigilanza, disabitato, in modo da poter ingannare i pirati; questo trucco funzionò, e quindi le costruzioni che si possono ammirare nel centro storico di Pollenca non sono mai state distrutte e, infatti, risalgono ai secoli diciassettesimo e diciottesimo.
Comunque, la zona pianeggiante delimita tutta la cala di Badia de Pollenca e infatti le vaste distese si allungano fino alla cittadina di Alcudia; questo tipo di territorio è ideale per rilassanti passeggiate e, soprattutto, per lunghe gite in bicicletta, uno dei principali mezzi usati in estate in questa zona, sia per la bellezza dello scenario naturale che accompagna le scampagnate, molto scenografico e suggestivo, sia per la facilità di spostarsi con questo mezzo.

Noleggio motorini

Le biciclette, così come i motorini e le moto, si possono noleggiare tutto l’anno.


Spiagge vicino a Port Pollenca

In ogni caso, nonostante la zona verde alle spalle della costa sia veramente eccezionale, la parte di Port de Pollenca che attira più l’attenzione e, quindi, la massa di turisti, è senza dubbio la fantastica spiaggia, formata da una lunghissima e altrettanto sottile striscia di sabbia dorata che accoglie, soprattutto nei mesi estivi, una moltitudine di gente da tutta Europa; il lido è talmente vasto che è difficile non trovare un pezzettino di terreno per sdraiarsi al sole ma, se si vuole un consiglio, se si va a sud, verso Alcudia, la piaggia è gradualmente meno affollata, quindi un pò più tranquilla e spaziosa.
A danneggiare questo magnifico angolo di costa di nuovo, però, la mano sconsiderata dell’uomo che costruisce a servizio dell’urbanizzazione turistica: all’estremità del villaggio è sorta infatti una moltitudine di costruzioni, tra cui appartamenti estivi e hotel; in generale però, questa parte della baia e’ cosparsa di adorabili villette tinteggiate di bianco o costruite in pietra, che si amalgamano alla perfezione con il paesaggio.


Traghetti per Penisola di Formentor

Infine, è possibile usufruire di un servizio di traghetti che, giornalmente, compie la tratta da La marina di Port de Pollenca ( dove tra l’altro una serie di stradine a ridosso del mare, intorno alla via principale Passeig Anglada Camarasa, sono diventate zona pedonale offrendo la possibilità di fare piacevoli passeggiate) a Platja de Formentor e viceversa, dando così l’opportunità di visitare una delle più belle zone di tutta Maiorca; questi traghetti partono tutti i giorni ogni trenta minuti da aprile ad ottobre, disponibili biglietti di andata e ritorno al porto.
Inoltre sono anche disponibili piccole crociere e gite organizzate intorno al golfo di Baia de Pollenca.

 Escursioni in barca

Crociera un giorno

gita in barca per Formentor

 

 

 


 

Scopri le altre Spiagge di Maiorca

Cerca fra le centinaia di spiagge di Maiorca recensite sul nostro sito quella più congeniali alle tue esigenze….

Spiaggia Porto Colom

Porto Colom

La località di Porto Colom si trova a circa 20 chilometri a sud di Porto Cristo, e si estende intorno ad una baia lunga e irregolare che, tra l’altro, comprende anche spiagge molto carine.

Orientarsi a Porto Colom

Il piccolo villaggio di Porto Colom si può virtualmente dividere in due zone: da una parte, l’area del molo e le modeste costruzioni che la circondano costituiscono il cuore dell’odierna cittadina, la parte più nuova; qui non c’è niente di particolare, nessuna caratteristica che risalti o catturi l’attenzione, ma è un angolo molto piacevole e rilassante.
La seconda zona è formata dalla parte più antica del villaggio, e si trova a circa 300 metri ad ovest dal molo, intorno alla parte posteriore del porticciolo; nel mezzo di questa sorta di centro storico si trova un’incantevole piazzetta attorniata da deliziose villette dai colori pastello.
Porto Colom originariamente era un villaggio di pescatori che servivano la vicina cittadina di Felanitx; poi, per la maggior parte del diciannovesimo secolo il villaggio si cimentò nell’ esportazione di vini in Francia: questo commercio vinicolo con il continente portò una grande prosperita’ ma fece dimenticare le proprie origini marittime al paesino.
Gli abitanti tornarono alla loro principale attività di pescatori solo quando la fillossera, un minuscolo insettino che attacca le radici delle viti, distrusse tutti i vigneti della zona: questo avvenne intorno al 1870, data che segno’ la fine del periodo di ricchezza e prosperità di Porto Colom.
Ancora oggi l’economia di questa località ruota principalmente intorno alla pesca: è molto caratteristico e suggestivo il porto del villaggio, letteralmente affollato di vecchi pescherecci ancora in uso o di imbarcazioni da pesca più moderne ma comunque molto particolari e caratteristiche.
Nei dintorni di Porto Colom, oltre ad una serie di promontori che sovrastano l’imboccatura della baia e che ospitano un imponente faro e una serie di anonime villette e strutture alberghiere, si trova anche la spiaggia di Cala Marcal, a circa un chilometro a sud del villaggio.

 

Cerca un Hotel vicino a Porto Colom >>

 

 

 


 

Scopri le altre Spiagge di Maiorca

Cerca fra le centinaia di spiagge di Maiorca recensite sul nostro sito quella più congeniali alle tue esigenze….

Spiaggia Porto Cristo

Vacanze Porto Cristo

Porto Cristo si trova nelle vicinanze delle gigantesche località di Cala Millor e Cala d’Or, ma fortunatamente non ha seguito le loro orme e non ha deturpato la zona circostante con eccessive costruzioni.

Però, pur avendo avuto un netto miglioramento negli ultimi anni, con il boom turistico che ha determinato la nascita di numerosi alberghi e ostelli molto gradevoli, si può dire che Porto Cristo sia stata in qualche modo penalizzata dalle sue vicine: o perchè i turisti le preferivano a questo tranquillo villaggio, o perchè i visitatori in cerca di luoghi naturali e incontaminati non si avvicinavano alla zona più edificata dell’isola.
Quindi non vi fate ingannare, una volta arrivati a Porto Cristo, dalla grande quantità di turisti che vi troverete: la maggior parte di loro stanno solo facendo una sosta con i loro autobus turistici prima di continuare il cammino verso le vicine Coves del Drac ( o Cuevas del Drach in castigliano), che sono l’orgoglio degli abitanti della zona.
Comunque, il lato positivo di Porto Cristo è che la cittadina è sempre molto tranquilla e rilassante ed è uno dei pochi posti sull’isola dove si può trovare una stanza all’ultimo minuto anche negli affollati mesi di luglio e agosto.
Passare qualche giorno qui magari non è il massimo per chi cerca la sfrenata “movida” delle Baleari, ma di sicuro è molto piacevole, sia grazie alla recente ricostruzione e restauro della città, sia per la graziosa spiaggia che si trova proprio in prossimità del porto, all’interno del paese.

Escursione 1 giorno Grotte Drach

Le splendide grotte di Drach da visitare in un giorno

Ristoranti di Porto Cristo

Prenota online un tavolo al Ristorante Soma

Ristorante di pesce e cucina mediterranea

 

 


La Spiaggia di Porto Cristo

la carina cala di Porto Cristo

Il lido è formato da una sottile striscia di sabbia, ideale per sdraiarsi al sole, ma con poco spazio per nuotare, in quanto il mare è stretto all’ interno di una profonda e fine insenatura, quasi un canale a forma di V compreso in mezzo a due promontori rocciosi che lo rendono il porto più riparato di tutta la costa orientale di Maiorca.
Interessante, infine, anche le origini storiche di Porto Cristo, che però rimangono alquanto incerte: di sicuro la città risale al tredicesimo secolo, quando era un porto e luogo di pesca che serviva la città di Manacor.
Non rimane nulla di quel periodo, e il centro storico della città è interamente occupato da edifici risalenti al diciannovesimo secolo.

 

 


Cerca un Hotel vicino a Porto Cristo >>

 

 


Scopri le altre Spiagge di Maiorca

Cerca fra le centinaia di spiagge di Maiorca recensite sul nostro sito quella più congeniali alle tue esigenze….

Spiaggia Sa Calobra

Spiaggia Sa Calobra

Sa Calobra è una piccola località turistica, che si trova proprio dopo l’incontaminata e esclusiva baia di Cala Tuent.

Sa Calobra, come la sua confinante occidentale, è sorta all’interno di una minuta insenatura, un golfo bellissimo protetto dalle vicine montagne che lo sovrastano maestosamente.
Il paesaggio naturale, come anche la posizione e il territorio, sono tra i più belli dell’isola, purtroppo il sovraffollamento turistico ha reso la zona tra le più visitate di Maiorca Occidentale. L’ideale sarebbe di visitare questa spiaggia nei periodi meno turistici come Maggio e Settembre.
Comunque nonostante l’affollamento, una volta che si arriva sulla spiaggia e ci si bagna nel mare, rimasto pulito e limpido non si rimane che entusiasti ed estasiati da questa parte della costa Maiorchina.
La maggior parte delle persone che vanno in villeggiatura a Sa Calobra sono attratte dall’incredibile canyon che si trova in questa località, e precisamente alla foce del Torrent de Pareis, ossia Fiume dei Gemelli, uno spettacolo che non si può assolutamente perdere se si visita questa regione.

Per coloro che hanno voglia di camminare e arrampicarsi su rocce e pendii, esiste un percorso che dalla sommità del torrente scende giù fino alla sua foce per arrivare sulla spiaggia di Sa Calobra. Questo percorso è però consigliato solo a chi è adeguatamente in forma e attrezzato perchè non è assolutamente semplice. Qui lo spettacolo è fenomenale: in mezzo ad altissime e ampissime scogliere, che sono appunto le pareti del canyon, scorre questo fiume denso e verdognolo che svanisce fino ad arrivare alla sua foce; il tratto finale del letto del fiume è arginato da sottili assi di legno che, a mò di diga, impediscono il suo accesso finale al mare.
Improvvisamente, lo scenario cambia completamente: infatti, in prossimità della foce, il fiume si butta oltre le pareti del canyon fino a tuffarsi nel mare di un azzurro intenso.

Per chi invece vuole rimanere tranquillo può parcheggiare la macchina al parcheggio prima del porticciolo e scendere a piedi per raggiungere la parte più commerciale di Calobra e infine percorrere una strada con un panorama mozzafiato fino a un tunnel scavato nella roccia, attraversato il quale si arriva sulla spiaggia di Calobra.

Video del percorso Torrent de Pareis

Come arrivare a Sa Calobra

Arrivare a Sa Calobra non  è semplicissimo perchè in macchina bisogna attraversare la Serra de Tramuntana fra curve a 180 gradi, strade strettissime e strapiombi altissimi. Però è proprio questo che rende affascinante l’arrivo a questa spiaggia perchè si ammirano dall’alto paesaggi bellissimi fatti di fiori, alberi verdissimi e il blu del cielo e del mare che in lontananza fa un contrasto perfetto con le montagne brulle della Serra. Partite presto la mattina perchè in giornate estive con molto traffico si possono incontrare oltre alle macchine, enormi bus turistici che in fila indiana impavidi attraversano la Serra. Se non volete rimanere impantanati dietro a questi Bus partite presto.

Poi sulla strada si possono incontrare anche molti ciclisti che ritengono che questa strada sia perfetto al cicloturismo, il risultato è che bisogna essere molto prudenti quando si guida perchè si possono incontrare colonne di ciclisti che rallentano molto. Il consiglio in questo caso è di ritornare al pomeriggio dopo le 17 perchè a quell’ora la maggior parte dei ciclisti non saranno più sulle strade stremati dalla fatica.

Foto di Sa Calobra

[metaslider id=”6347″]

 


Scopri le altre Spiagge di Maiorca

Cerca fra le centinaia di spiagge di Maiorca recensite sul nostro sito quella più congeniali alle tue esigenze….

Isola Sa Dragonera

Isola Sa Dragonera 

Il piccolo isolotto di Sa Dragonera che ospita il Parco naturale, si trova leggermente a largo di Maiorca, e non è altro che una grossa zolla di terra rocciosa lunga 4 chilometri e larga circa 700 metri, posizionata in mezzo al mare con una angolazione leggermente inclinata rispetto alla riva della sua “confinante” più grande, Maiorca appunto.
La sua riva nord- occidentale è veramente spettacolare, con un’alta scogliera a picco sul mare, sulla quale si infrangono onde spumose: uno scenario molto suggestivo.
Le navi e i traghetti partono dal porticciolo di Sant Elm, e attraccano a Es Lladò, un piccolo porto situato sulla costa orientale di Sa Dragonera; una volta sbarcati, si può scegliere uno tra i numerosi percorsi possibili.

Itinerari di Sa Dragonera

Essenziale è non aggirarsi per l’isola su itinerari non segnalati e non battere piste non autorizzate: a questo proposito è bene ricordare che, prima di lasciare il centro accoglienza di Es Lladò, bisogna concordare il percorso da fare; in alternativa si può chiamare il numero 971 180 632, prima di arrivare sull’ isola.
Comunque si può scegliere tra 4 percorsi tutti molto diversi tra loro per difficoltà e paesaggio, ma tutti estremamente affascinanti: ci sono, per i meno esperti ed atletici, due brevi sentieri facilmente percorribili che si dirigono verso la parte orientale dell’isola, occupata per lo più da un territorio pianeggiante della durata rispettivamente di 20 e 30 minuti.
Poi, per gli escursionisti accaniti, è possibile scegliere tra 2 itinerari abbastanza impegnativi: uno percorre tutta la scogliera ed è molto difficile e ripido della durata andata e ritorno di 2 ore e 40; l’altro, porta invece nella parte meridionale di Sa Dragonera, ed è una spettacolare camminata verso il faro di Cap des Llebeig; anche questa escursione è estremamente faticosa e dura all’incirca 3 o 4 ore a passo abbastanza veloce.

Parco Naturale di Sa Dragonera

In ogni caso, qualsiasi sia l’itinerario scelto, vale la pena di visitare questo favoloso Parco Naturale in mezzo al mare sia per i suoi paesaggi incontaminati e selvaggi, per la sua atmosfera solitaria e misteriosa, ma anche per la sua popolosa fauna, fatta essenzialmente di varie specie di uccelli, che difficilmente si possono incontrare in altre zone: qui si possono ammirare falchi pescatori, cormorani, gabbiani e tantissimi altri uccelli acquatici, oltre a vari tipi di rapaci.

Foto Dragonera

[metaslider id=”6286″]

Traghetti per Sa Dragonera

Detto questo non resta che prendere un traghetto: il servizio di trasporto è gestito da Crucero Margarita, che opera in orari coordinati con gli orari di apertura del Parco Naturale ( e quindi dell’isola!); è essenziale informarsi sull’orario del viaggio di ritorno per evitare di perdere l’ultimo traghetto disponibile.
Per maggiori informazioni i numeri di telefono della compagnia di traghetti sono 971 470 449 oppure 696 423 933 (telefono cellulare).
Il prezzo del biglietto andata e ritorno è di 8 euro.

Parco Naturale di Sa Dragonera: aperto tutti i giorni da aprile a settembre dalle 10 alle 17; da ottobre a marzo dalle 10 alle 15.

Altre localita di Maiorca Occidentale >>

 


Scopri le altre Spiagge di Maiorca

Cerca fra le centinaia di spiagge di Maiorca recensite sul nostro sito quella più congeniali alle tue esigenze….